radiomuseum.org

Il sito per i collezionisti di antichi dispositivi di comunicazione

Su Internet ci sono centinaia, forse migliaia, di pagine redatte da collezionisti di radio. Poiché gli apparecchi d'epoca per la ricetrasmissione costituiscono grande interesse, sia per l'aspetto che per la tecnica, la comunità di collezionisti è cresciuta enormemente. Questa vasta comunità comprende numerose associazioni, alcune con addirittura oltre 4.000 iscritti - come la «AWA» negli Stati Uniti, dove ci sono molti altri club. Ciò che mancava sinora è un concentrato di tutti i lavori presenti su Internet. La Rete, oltre alla possibilità di pubblicare una propria presentazione, offre l'opportunità di scambiare conoscenze, esperienze e aiuti riguardanti problemi tecnici.

Dopo il grande successo del libro «Radios von gestern» (Radio di una volta - prima edizione 1989), in seguito del quale furono necessarie tre edizioni (si leggano i commenti su www.amazon.de) e dopo la redazione di «Radiokatalog volume 1», l'autore ed ex- imprenditore Ernst Erb di Meggen, Lucerna (Svizzera), ha deciso di allestire un portale web al fine di poter assecondare nel modo più adeguato le richieste degli appassionati collezionisti.



Redazione costante di un catalogo radio
Questo portale non ha intenzione di entrare in competizione con le pagine web - presenti o future - dei collezionisti: piuttosto, il suo scopo è quello di consolidare gli sforzi in una singola opera comune. Solo così anche i collezionisti meno abbienti potranno accedere alla (spesso rara) documentazione tecnica necessaria alla riparazione e alla messa a punto dei ricevitori. Un catalogo non può mostrare gli schemi e le istruzioni per l'allineamento, a meno che non diventi troppo costoso. Inoltre, dato che ci sono oltre 24 000 modelli di radio antiche solo nei Paesi di lingua tedesca, il «Radiokatalog» si stava rivelando una vera fatica di Sisifo, e pertanto sarebbe stato un peccato pubblicarlo solo come libro. Per questa ragione l'autore ha reso disponibile su Internet il primo volume e l'ancora inedito volume 2, gratuitamente e senza pubblicità. Nel frattempo, il numero di immagini è lievitato dalle 3.000 foto del catalogo ad 2 355 921 (inclusi 914 137 schemi), grazie all'aiuto dei collezionisti.



La realizzazione dell'idea
Questa bibliografia on-line è senza eguali nel mondo, sia per la sua funzionalità che per i suoi esaurienti contenuti: possono essere visualizzate da tutti oltre 176 000 pagine con moltissimi dati sulle radio antiche. L'iscrizione che viene offerta permette di visualizzare, ingrandire e stampare immagini e schemi. Per questa offerta l'autore si attende un certo impegno in cambio - che, ad esempio, potrebbe consistere nell'inviare immagini digitali o dati dei propri apparecchi radio, in particolare per quelli che non ne sono ancora provvisti. Altre attività sono altrettanto benvenute.

Si possono trovare non solo informazioni sugli apparecchi ricetrasmittenti, ma anche articoli tecnici di eccezionale qualità nel forum di discussione, molti collegamenti a musei e homepage e la possibilità di scambiare idee.

Il sito, inoltre, permette ai collezionisti di cercare i prezzi o informazioni e offerte dei modelli. È stato realizzato un mercatino per scambiare, vendere e acquistare apparecchi. Puoi iscriverti on-line. Per il fatto che gli iscritti hanno il permesso di inviare immagini, è inevitabile la necessità di verificare la tua serietà come collezionista radio.

A chi non piacerebbe ricevere utili suggerimenti da collezionisti con esperienza? Il collezionismo sarebbe una materia defunta senza lo scambio reciproco. Come socio di www.radiomuseum.org puoi inviare le tue richieste direttamente al modello e troverai abbastanza persone che siano in grado di risponderti.

Lucerna, 6 Maggio 2005 (Ernst Erb)

Traduzione: Alessandro De Poi.
  
rmXorg