radiomuseum.org

Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616

Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616; Nordmende, (ID = 1250115) Radio
 
Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616; Nordmende, (ID = 1250116) Radio
 
Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616; Nordmende, (ID = 1250121) Radio
 
Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616; Nordmende, (ID = 1250124) Radio
 
Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616; Nordmende, (ID = 1250125) Radio
 
Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616; Nordmende, (ID = 1250128) Radio
 
Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616; Nordmende, (ID = 1250130) Radio
Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616; Nordmende, (ID = 2033273) Radio Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616; Nordmende, (ID = 2033272) Radio
Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616; Nordmende, (ID = 166074) Radio Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616; Nordmende, (ID = 2033275) Radio
Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616; Nordmende, (ID = 2033274) Radio Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616; Nordmende, (ID = 166073) Radio
Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616; Nordmende, (ID = 306375) Radio Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616; Nordmende, (ID = 685953) Radio
Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616; Nordmende, (ID = 593993) Radio Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616; Nordmende, (ID = 1421364) Radio
Use red slider bar for more.
Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616; Nordmende, (ID = 2033273) Radio
Nordmende,: Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616 [Radio] ID = 2033273 1400x1516
Select picture or schematic to display from thumbnails on the right and click for download.
For model Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616, Nordmende, Norddeutsche Mende-Rundfunk GmbH (Sterling), Bremen-Hemelingen
 
Country:  Germany
Manufacturer / Brand:  Nordmende, Norddeutsche Mende-Rundfunk GmbH (Sterling), Bremen-Hemelingen
Year: 1960/1961 Category: Broadcast Receiver - or past WW2 Tuner
Valves / Tubes 8: ECC85 ECH81 EF89 EABC80 EM84 EBC81 EL84 EL84
Main principle Superheterodyne (common)
Tuned circuits 6 AM circuit(s)     10 FM circuit(s)
Wave bands Broadcast, Long Wave, Short Wave plus FM or UHF.
Details Record Player (not changer)
Power type and voltage Alternating Current supply (AC) / 110; 125; 150; 220; 240 Volt
Loudspeaker 2 Loudspeakers
Power out
from Radiomuseum.org Model: Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616 - Nordmende, Norddeutsche Mende-
Material Wooden case
Shape Tablemodel with Push Buttons.
Dimensions (WHD) 560 x 340 x 340 mm / 22 x 13.4 x 13.4 inch
Notes

Gehäuseform: Abgerundete Ecken, Zierleiste als Einfassung der Front.
Stereo-NF-Verstärker mit 2 Endstufen je 3 W;
Phono-Chassis = PE4230.

Net weight (2.2 lb = 1 kg) 14 kg / 30 lb 13.4 oz (30.837 lb)
Price in first year of sale 430.00 DM
External source of data Erb
Source of data HdB d.Rdf-& Ferns-GrH 1960/61
Literature/Schematics (1) -- Original-techn. papers.


All listed radios etc. from Nordmende, Norddeutsche Mende-Rundfunk GmbH (Sterling), Bremen-Hemelingen
Here you find 1709 models, 1604 with images and 1248 with schematics for wireless sets etc. In French: TSF for Télégraphie sans fil.



 


Forum contributions about this model
Nordmende,: Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616
Threads: 1 | Posts: 13
Hits: 405     Replies: 12
Ronzio di fondo radio Nordmende Phono Super Stereo E700
Roberto Licandro
22.Feb.20
  1

Gentili soci,

mi permetto di chiedere il vostro aiuto per risolvere un problema che, con la mia attuale preparazione da autodidatta nel restauro e riparazione di radio d’epoca,  purtroppo non riesco a risolvere, sebbene prima di rivolgermi a voi, abbia cercato ovunque spunti e fatto tentativi per riuscire autonomamente a trovare una soluzione.

Il problema è quello di un lieve fastidioso ronzio in una radio Nordmende Phono Super Stereo E700, da poco acquistata; le caratteristiche del ronzio sono:

  • Tono del ronzio basso
  • Livello acustico basso e costante
  • Si riscontra su tutte le gamme d’onda e sulla posizione fono dopo qualche secondo dall’accensione quando le tensioni si sono stabilizzate
  • Non è influenzato dal volume, anzi aumentando questo in presenza di segnale viene ricoperto
  • Mi sembra che si attenui con il controllo di tonalità dei bassi, mentre quello degli alti ed i registri di tonalità non lo influenzano
  • Non è influenzato dalla presenza/ricerca/avvicinamento al segnale di una emittente
  • La radio consente un buon ascolto
  • La frequenza del ronzio misurata ad orecchio iniettando un segnale modulato nella presa fono sembra essere di 50 Hz

Cosa ho fatto:

  • Per problemi di perdita avevo sostituito i condensatori di accoppiamento con le due finali EL84 e francamente prima non ricordo di aver notato il ronzio
  • Stranamente il trasformatore di alimentazione posto in uno scomodo alloggiamento non aveva nessuna vite di fissaggio e tenuta delle lamelle che in qualche modo sono riuscito ad inserire e stringere: francamente rimane per me un mistero come fosse realizzato il montaggio originale.
  • Con la radio estratta dall’alloggiamento e collegata con altri due altoparlanti esterni di lavoro il ronzio non sembra presente. Non so se a ragione, ma ciò mi ha portato ad escludere che il problema potesse dipendere dai due condensatori di filtro dell’alimentazione a valle del ponte raddrizzatore, altrimenti anche con questi due altoparlanti avrei dovuto percepire un ronzio, magari diverso.
  • Pensando che il problema potesse essere di tipo meccanico derivante da vibrazioni degli altoparlanti a causa di un fissaggio lasco sul supporto di montaggio, ho smontato gli altoparlanti e la base di supporto e sostituito ovunque i cuscinetti in gomma ormai secchi, ho rimontato e serrato il tutto ma, sebbene leggermente attutito, il ronzio persiste.
  • Ho visto che il resistore di catodo presente (R224) è di 150 ohm mentre lo schema riporta 100 ohm pertanto ho simulato il resistore originale mettendo in parallelo un resistore di 300 ohm  ma non ho notato differenze ed altrettanto ho fatto con il condensatore di catodo (C224) senza ottenere alcuna variazione.
  • Ho provato a mettere a massa la griglia di controllo delle EL84 ed il ronzio diventa più pronunciato
  • Le tensioni misurate sono un pò al di sotto di quelle previste e bilanciate nei due canali
  • Estraendo le finali il ronzio cessa
  • Sostituendo le finali con due nuove il ronzio permane.

A disposizione per ogni ulteriore ragguaglio fosse necessario, ringraziando in anticipo per ogni indicazione, saluto cordialmente.

Roberto Licandro

Member ID=23538

 

Mauro Emilio Gino Bellini
23.Feb.20
  2

A prima vista mi sembra che banalmente non ci sia collegamento tra il negativo degli elettrolitici e la massa o meglio il centrale del trasformatore di alimentazione. Spesso gli elettrolitici a vitone avevano una linguetta esterna che era collegata col ritorno comune. Potrebbe mancare tale collegamento. Prova a misurare con un tester i vari ritorni di massa per vedere se sono tutti connessi. 

Mauro

Mauro Emilio Gino Bellini
23.Feb.20
  3

Un'aggiuta alla mia risposta dopo aver guardato lo schema: sostituisci il raddrizzatore!

Saluti 

Mauro

Roberto Licandro
23.Feb.20
  4

Grazie Mauro per la sollecita risposta ed i consigli che mi hai dato che naturalmente ho messo subito in atto:

- ho controllato il collegamento a massa degli elettrolitici di filtro e mi sembra tutto OK perchê sono direttamente saldati sul circuito stampato e non anno il filo di collegamento al telaio.

- ho provato a sostituire il raddrizzatore con un tipo che avevo già utilizzato in un'altra riparazione di una radio simile e che aveva dato buoni risultati, ma sebbene le tensioni siano aumentate avvicinandosi a quelle previste nello schema,  purtroppo il ronzio non è cambiato e ho invece notato delle distorsioni che hanno peggiorato l'ascolto e pertanto ho ripristinato il vecchio raddrizzatore.

Una cosa che ho notato solo oggi nelle prove fatte, che si percepisce bene nella posizione fono,  è che il ronzio varia leggermente e risulta più forte con il volume al minimo per poi diminuire con il volume medio per poi risalire con il volume al massimo dove però subentrano altri disturbi. 

Grazie ancora per l'aiuto e saluti

Mauro Emilio Gino Bellini
24.Feb.20
  5

Continuo ad avere dubbi sull'alimentazione. Il trasformatore è originale o sostituito (riavvolto).

Misura la tensione del secondario di HT, dovrebbe essere circa 180Vac.Misura anche la tensione di filamento (6,3Vac). Il trasformatore riscalda in maniera anomala? Mi appare totalmente fuori di ogni logica che tutti e due gli altoparlanti interni si comportano così. Se fuori dal mobile si comporta bene sembrerebbe il trasformatore che introduce il ronzio meccanicamente, Francamente non mi è mai capitato. Mi sembra di capire che non possiedi un oscilloscopio, altrimenti sarebbe tutto più facile.

Mauro

 

Roberto Licandro
24.Feb.20
  6

Ciao Mauro,

Preciso che se estraggo il telaio dal mobile e collego gli altoparlanti interni, il ronzio persiste anche se sembra lievemente inferiore. Correggendo quanto avevo precementemente affermato, anche con gli altoparlanti di servizio esterni (vedi foto)  avvicinando molto l’orecchio al cono sento il ronzio ma meno intenso, addirittura quasi nullo nell’altoparlante piccolo: probabilmente il ronzio si accentua negli altoparlanti interni perché ellittici, più grandi e sensibili ai bassi ed il mobile stesso fa da cassa di risonanza.

Il trasformatore di alimentazione è originale e non scalda; anche io ho il sospetto che in qualche modo c’entri anche perché, come dicevo, la radio non aveva le viti di fissaggio (vedi foto prima e dopo), comunque non rilevo una vibrazione delle lamelle.

Per quanto riguarda la mia attrezzatura ho tentato di dotarmi di attrezzature vintage ed ho:

  • un oscilloscopio Tektronix 475 che incomincio a maneggiare così e così
  • uno sweep generator Hp 3312A
  • un multimetro analogico Unigor A43
  • un tester digitale Amprobe AM-540-EUR
  • un generatore di segnale FeelElec FY6900
  • il provavalvole della scuola Radio Elettra Torino
  • il generatore di segnale della scuola Radio Elettra Torino.

Per quanto riguarda le misurazioni ho rilevato quanto segue:

  • Tensione di rete 238.5 Vac
  • Tensione input raddrizzatore 214.5 Vac
  • Tensione output raddrizzatore 245 Vdc
  • Tensione filamento 6.23 Vac
  • Tensione anodica EL84 224 Vdc
  • Tensione anodica triodo EABC80 58 Vdc

Grazie

Roberto

Trasformatore prima del serraggio con le viti  Altoparlanti interni

Altoparlanti di servizio

 

Mauro Emilio Gino Bellini
24.Feb.20
  7

Le tensioni mi sembrano congrue. Ma hai provato a sostituire C200 (50+50+50uF)? Mettetiti con l'oscilloscopio sull'uscita del raddrizzatore e dimmi che forma d'onda vedi. Guarda che il tuo problema non può eseere che di alimentazione. Gli elettrolitici rimuovili, perchè se hanno una bassa resistenza interna anche se gli paralleli non ottieni buoni risultati.

Fammi sapere

Mauro

PS. Anche io sono pensionato ed ho 79 anni. Spesso uso lo pseudonimo di Nonno Radio.

 

Mauro Emilio Gino Bellini
24.Feb.20
  8

Scusa, ma quando mi parli di condensatori di accoppiamento delle finali, fai riferimento a C207 e 208 da 0,01uf?

Mauro

Roberto Licandro
25.Feb.20
  9

Mauro,

Come hai fatto a intuire che sono anche io un pensionato, non te lo avevo detto. Si è vero ho 71 anni ed da qualche anno mi sono messo a collezionare e restaurare radio d’epoca: che fatica !.

Ho fatto le misurazioni che mi hai consigliato e due dei condensatori C200 mostrano il passaggio di corrente alternata di frequenza che penso dovrebbe essere di 50Hz (Time/Div 2 ms, ma non tornano i conti !)  il primo di 1 Vac pp (Volt/Div .5  prima foto )  il secondo dopo la R200 di 0.8 Vac pp (seconda foto), mentre il terzo mostra una linea piatta quindi penso vada bene. Adesso proverò a sostituirlo sicuramente non troverò un triplo condensatore per cui se riesco sfrutto quello funzionante e ne metto un nuovo doppio spero dentro allo stesso involucro.

Approfittando ancora della tua competenza, dato che non ho mai smontato un condensatore di questo tipo saldato direttamente sul circuito stampato, volevo chiederti se c’è un particolare procedimento per dissaldare i contatti ed estrarre il tutto senza fare danni (vedi di seguito foto degli ancoraggi).

In relazione ai condensatori di accoppiamento, si ho sostituito il C207 e C208.

Saluti da un nonno che tenta a fatica di diventare un  ‘Nonno Radio’ |^_~|.

Grazie ancora

Roberto 

 

Mauro Emilio Gino Bellini
25.Feb.20
  10

Tieni conto che la misura che vedi deve essere moltiplicata per 10 (fattore di attenuazione del probe).

Io ho un dissaldatore professionale della weller, ma perchè io lavoro ancora nel settore professionale e militare. Ti consiglio una pompetta succhiante, che costa pochi euro o in alternativa la classica treccetta.

Ti consiglio di rimuovere completamente l'elettrolitico e mettere provvisoriamente tre condensatori. Se si risolve il problema potrai magari svuotare l'originale e inserirvi tre condensatori. In effetti quelli moderni sono estremamente più piccoli di quelli vecchi.

Fammi sapere.

Mauro

Ps: ti mando la mia mail se vorrai contattarmi direttamente.

mauro.emilio.bellini@alice.it

 

Mauro Emilio Gino Bellini
25.Feb.20
  11

la frequenza che vedi è di 10ms, corrispondenti a 100Hz, ed è corretto in quanto il tuo alimentatore è ad onda intera.

Mauro

Roberto Licandro
26.Feb.20
  12

Mauro,

oggi ho avuto un attimo di tregua e sono riuscito a sostituire i condensatori elettrolitici.

Come avevi previsto con 3 condensatori nuovi da 47 uF/400V, che ho rinunciato a mettere dentro il vecchio involucro a causa delle dimensioni, il ronzio è completamente scomparso e le rilevazioni strumentali, che riporto nelle foto di seguito, mostrano un diagramma piatto per il condensatore con una tensione di 190 Vdc, mentre si nota una lieve ondulazione in quello con 240 Vdc.

 

 

Per curiosità ho misurato le caratteristiche dei vecchi condensatori e mentre due di questi risultano “buoni” in termini di capacità intorno ai 45 uF, con una resistenza interna dai 28 ai 44 Mohm, uno invece sembra totalmente sballato con un valore di 7.46 uF e ho il dubbio se era proprio così, oppure che si possa essere rovinato durante le operazioni di smontaggio, magari perché si è “cotto” per dissaldarlo.

Grazie ancora per tutto l’aiuto che mi hai dato, adesso per concludere questa istruttiva esperienza, (pensa che ho anche capito la tua osservazione sull'alimentatore ad onda intera !), mi dedicherò alla taratura delle frequenze.

Cari saluti

Roberto

 

Mauro Emilio Gino Bellini
26.Feb.20
  13

I condensatori elettrolitici prodotti più di 39 anni fa si seccano anche se inutilizzati. Questo è il motivo per cui consiglio a tutti di NON usare mai elettrolitici d'epoca anche se nuovi. 

Comunque ora hai avuto modo di capire l'utilità dell'utilizzo dell'oscilloscopio e che grande aiuto da.

Alla prossima

Mauro

 
Nordmende,: Phono-Super-Stereo E700 Ch= 1/616
End of forum contributions about this model

  
rmXorg